Noci e pressione sanguigna: studio sui possibili benefici

Noci e pressione sanguigna: studio sui possibili benefici

Salute

Se combinato con una dieta a basso contenuto di grassi saturi, mangiare noci potrebbe aiutare a ridurre la pressione del sangue nelle persone a rischio di malattie cardiovascolari. Lo dicono i ricercatori della Penn State University in uno studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association.

In uno studio randomizzato e controllato – si legge – i ricercatori hanno esaminato gli effetti della sostituzione di alcuni grassi saturi nelle diete dei partecipanti con le noci. Hanno scoperto che quando i partecipanti mangiavano noci in combinazione con quantità totali inferiori di grassi saturi, avevano una pressione arteriosa centrale più bassa. Secondo i ricercatori – spiega la nota – la pressione centrale è la pressione che viene esercitata su organi come il cuore.

Noci, indagine sui benefici per la pressione

Secondo Penny Kris-Etherton, professore di nutrizione presso la Penn State, lo studio suggerisce che poiché le noci abbassano la pressione centrale – si legge – il rischio di CVD dei partecipanti può anche essere diminuito. “Quando i partecipanti mangiavano noci intere, vedevano benefici maggiori rispetto a quando consumavano una dieta con un profilo simile ad acidi grassi come noci senza mangiare il dado stesso”, ha detto Kris-Etherton. “Quindi sembra che ci sia qualcosa in più nelle noci che è benefico – forse i loro composti bioattivi, forse la fibra, forse qualcos’altro – che non si ottiene da soli gli acidi grassi”.

Noci e pressione sanguigna: studio sui possibili benefici
Noci e pressione sanguigna: studio sui possibili benefici – Photo Pixabay

Alyssa Tindall, studentessa nel laboratorio di Kris-Etherton e specializzata (doctoral graduate) in nutrizione, ha spiegato che lo studio è stato uno dei primi a cercare di scoprire quali parti delle noci aiutano a sostenere la salute del cuore. “Le noci contengono acido alfa-linolenico – ALA – un omega-3 vegetale che può influenzare positivamente la pressione sanguigna – dice. Volevamo vedere se ALA fosse il principale contributo a questi benefici salutari o se fosse un altro componente bioattivo delle noci, come i polifenoli. Abbiamo progettato lo studio – conclude – per verificare se questi componenti avessero benefici aggiuntivi.”

Lo studio

Per lo studio i ricercatori hanno reclutato 45 partecipanti in sovrappeso o con obesità di età compresa tra i 30 ei 65 anni. Prima dello studio, i partecipanti sono stati sottoposti a una dieta “run-in” per due settimane.

“Mettere tutti sulla stessa dieta per due settimane prima dell’inizio dello studio ha aiutato a mettere tutti sullo stesso piano di partenza”, ha detto Tindall. “La dieta run-in includeva il 12% delle loro calorie da grassi saturi, che imita una dieta americana media. In questo modo, quando i partecipanti hanno iniziato a seguire le diete dello studio, le noci o altri oli hanno sostituito i grassi saturi”.

Dopo la dieta run-in, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a una delle tre diete da studio, che includevano meno grassi saturi rispetto alla dieta run-in. Le diete includevano una che incorporava noci intere, una che includeva la stessa quantità di ALA e acidi grassi polinsaturi senza noci, e una che sostituiva parzialmente acido oleico (un altro acido grasso) per la stessa quantità di ALA trovata nelle noci, senza alcuna noce.

Tutte e tre le diete sostituivano le noci o gli oli vegetali per il 5% del contenuto di grassi saturi della dieta run-in, e tutti i partecipanti seguivano ogni dieta per sei settimane, con una pausa tra i periodi di dieta.

I risultati

Dopo ogni periodo di dieta, i ricercatori hanno valutato i partecipanti per diversi fattori di rischio cardiovascolare tra cui la pressione sistolica e diastolica centrale, la pressione brachiale, il colesterolo e la rigidità arteriosa. I ricercatori – si legge nella nota – hanno scoperto che mentre tutte le diete di trattamento hanno avuto un effetto positivo sugli esiti cardiovascolari, la dieta con noci intere ha fornito i maggiori benefici, tra cui la pressione arteriosa diastolica centrale inferiore. La California Walnut Commission, il Penn State Clinical e Translational Science Institute e il National Institutes of Health / National Center for Advancing Translational Sciences – conclude la nota – hanno sostenuto questo lavoro.

Photo Copertina – Pixabay